Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Opportunità di mercato

Fonti di energie rinnovabili
Le fonti energetiche rinnovabili (tranne quelle idriche) svolgono nella bilancia energetica della Slovacchia un ruolo ancora trascurabile. Il trend a livello UE e a livello mondiale tende tuttavia ad un maggior utilizzo delle energie alternative pulite: in sintonia con tali tendenze, gli obiettivi strategici della politica energetica in Slovacchia sono indirizzati verso un sempre maggiore impiego delle nuove fonti d’energia.
Il potenziale complessivo delle energie rinnovabili in Slovacchia è stato stimato su circa 100.400 TJ/anno, di cui attualmente viene utilizzato circa il 25%. Le fonti energetiche rinnovabili slovacche producono complessivamente 24.740 TJ/anno di energia e coprono il 3,5% del consumo complessivo di tutte le specie di energie. Attualmente la Slovacchia ricava dalle fonti rinnovabili soprattutto l’energia prodotta da flussi idrici, mentre l’uso di energia eolica e di biomasse è ancora in una fase iniziale, e l’energia solare viene utilizzata in misura minima (fonte: Strategia dell’utilizzo delle fonti rinnovabili di energia, Ministero slovacco Economia).

Infrastrutture stradali
Per migliorare l’accessibilità della Slovacchia alla rete stradale europea e snellire il traffico in transito è necessario ultimare la costruzione della rete stradale ed autostradale portante. La rete stradale della Slovacchia si integrerà nel sistema di trasporto unitario europeo grazie alla realizzazione di uno sviluppo proporzionale di autostrade e superstrade, nel contesto dei collegamenti internazionali con i paesi vicini.
Un’altra soluzione per rendere piú fluido i volumi di traffico sempre crescenti e per aumentare la sicurezza del traffico stradale sulle infrastrutture già esistenti è l’utilizzo di sistemi di trasporto intelligenti (ottimizzazione della direzione del traffico con l’utilizzo di nuove tecnologie informative).

Infrastrutture di trasporto intermodale
La priorità nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di trasporto intermodale per mezzo dei finanziamenti del Fondo di Coesione è quella di realizzare una rete di terminali pubblici di trasporto intermodale secondo i parametri dell’accordo AGTC. La rete di terminali pubblici sarà realizzata per fornire servizi di qualità in collegamento con i centri logistici, con l’obiettivo di assicurare servizi più efficienti ed economici.

Ricerca e sviluppo
Per la ricerca e sviluppo in Slovacchia esistono stanziamenti specifici dei Fondi UE che forniscono ottime opportunità per gli investitori esteri. I finanziamenti per infrastrutture nella ricerca e sviluppo e per quelle universitarie, per i centri di eccellenza, per training e tirocini vari ammontano complessivamente a 1,8 miliardi di Euro. Alla regione di Bratislava è assegnato il 30% dello stanziamento, il resto va alle altre regioni slovacche.
L’obiettivo è l’ammodernamento e il rafforzamento dell’efficacia del sistema di sostegno della ricerca e dello sviluppo ed il miglioramento della qualità delle infrastrutture universitarie, in modo che esse possano contribuire ad aumentare la competitività dell’economia, a ridurre le disparità interregionali, a fondare nuove piccole e medie imprese innovative (high-tech), a creare nuovi posti di lavoro ed a migliorare le condizione del processo formativo presso gli atenei.

Realizzazione ed ammodernamento dell’illuminazione pubblica di città e comuni
L’obiettivo è quello di sostenere il settore pubblico nella realizzazione ed ammodernamento della rete di illuminazione pubblica di città e comuni, in un’ottica di maggior informazione sull’impiego efficiente dell’energia e sull’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili.
Città e comuni verranno pertanto incentivati a migliorare lo stato degli impianti di illuminazione pubblica e gli investimenti previsti contribuiranno ad eliminare carenze e sprechi, ed a garantire un’illuminazione sicura, congiuntamente al conseguimento di maggiori risparmi energetici.

Sostegno delle attività imprenditoriali nel turismo
L’obiettivo è quello di aumentare i servizi per il turismo attraverso incentivi a sostegno di attività di investimento nel settore privato e per la creazione di servizi turistici integrati da prestare nell’arco dell’intero anno (impiego di fonti minerali e geotermiche per lo sviluppo del turismo estivo ed invernale assieme a servizi complementari a favore del cliente, creazione di centri ricreativi con offerta di gite culturali collegate alla vendita di prodotti caratteristici del luogo, es. prodotti di vetro, porcellana, ricami, degustazioni di vino uniti alla loro vendita ecc.).
È altresì  prevista la realizzazione di programmi turistici con attività sia per il periodo estivo che per quello invernale (di natura sportiva, culturale, ecc.) atti ad attrarre i turisti slovacchi e stranieri per soggiorni piú lunghi. Per la predisposizione di programmi turistici integrati con validità annuale, il criterio fondamentale sarà, in particolare, l’individuazione di itinerari di carattere culturale o naturale di una regione o di aree di interesse (es. Via del vino, Via gotica, Via del ferro ed altre gite unite alle vendite di prodotti tipici, siti UNESCO, ecc.).

Trattamento e depurazione delle acque di scarico comunali
Il trattamento delle acque reflue comunali in Slovacchia è tuttora inadeguato ed insufficiente rispetto ai principali Paesi dell’Unione Europea (in termini quantitativi pari al 65% della media dell’UE-15).
Si prevede pertanto la realizzazione di nuove reti fognarie, la costruzione e l’ammodernamento degli impianti di depurazione delle acque di scarico e delle canalizzazioni pubbliche nelle singole regioni nonché l’ammodernamento degli acquedotti.

Protezione contro le inondazioni
La priorità della Slovacchia è quella di evitare i danni causati dalle frequenti inondazioni attraverso la realizzazione di misure adeguate di protezione e prevenzione. Tali misure dovranno essere rivolte a ridurre le influenze negative sui bacini fluviali provocate dall’attività umana, a ripristinare la capacità naturale di accumulo delle acque, attraverso misure tecniche e biotecniche che rallentino i riflussi dai bacini ai corsi d’acqua, con la costruzione di serbatoi per la ritenzione dell’acqua, di dighe di protezione, di linee antidiluviali e di impianti per attingere alle acque interne, nonché con il controllo e la manutenzione dei corsi d’acqua.