Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Dono da parte della Camera di Commercio Italo-Slovacca di microscopi per il Laboratorio di scienze naturali della Sezione bilingue italo-slovacca del Liceo „L. Saru“ di Bratislava

IMG-20240112-WA0012
Consegna di microscopi per il Laboratorio di scienze naturali della Sezione bilingue italo-slovacca del Liceo „L. Saru“ di Bratislava

Ha avuto luogo stamattina, presso la Sezione bilingue italo-slovacca del Liceo “L. Sáru“ di Bratislava, la cerimonia di consegna dei microscopi donati dalla Camera di Commercio Italo-Slovacca per il futuro Laboratorio di chimica, biologia e fisica del suddetto istituto. Accolti dal Preside del Liceo RNDr. Pavel Sadloň, erano presenti l’Ambasciatrice d’Italia in Repubblica Slovacca Catherine Flumiani ed il Segretario generale della Camera di Commercio Italo-Slovacca Dott. Giorgio Dovigi.

La donazione della Camera di Commercio Italo-Slovacca consiste in sei microscopi binoculari MicroBlue 1052, strumenti all’avanguardia che consentono di eseguire svariati esperimenti di biologia, chimica e fisica. Il rafforzamento delle attrezzature del Laboratorio di chimica, biologia e fisica del Liceo rappresenta il risultato di un’iniziativa promossa dalla professoressa Mara Paola Paolini, docente di ruolo MAECI per le materie scientifiche.

Nel ringraziare la Camera di Commercio Italo-Slovacca per il generoso sostegno all’iniziativa, l’Ambasciatrice Flumiani, ha sottolineato l’impegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale a sostegno della sezione bilingue, con il rafforzamento del contingente di docenti ruolo a partire dall’anno accademico corrente, così come l’importanza di questo contributo concreto agli obiettivi didattici dell‘istituto.

La Sezione bilingue del Liceo „L. Saru“ di Bratislava, che in Italia corrisponde ad un liceo scientifico, conta attualmente 191 alunni. Dal 1991 ad oggi la scuola ha formato centinaia di studenti, molti dei quali hanno poi proseguito il proprio percorso di studi iscrivendosi a corsi di laurea in medicina, farmacia e scienze naturali. Infatti, quest’anno su 36 diplomandi sono 14 quelli che scelgono biologia e 12 che scelgono chimica quale materia dell’esame di maturità.