Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

1.12.23. Firenze Archeofilm a Bratislava con il documentario “Possonia: Bratislava a Firenze”. 

IMG-20231201-WA0007
  1. Nel quadro della manifestazione “Archeofilm Bratislava”, rassegna cinematografica internazionale incentrata su archeologia, arte ed ambiente, ha avuto luogo ieri la prima del documentario “Possonia: Bratislava a Firenze” che illustra la storia della veduta di Possonia (o Posonium, antico nome di Bratislava) dipinta nel 1565 nel Cortile di Michelozzo nel Palazzo Vecchio a Firenze, in occasione delle nozze tra Francesco de’ Medici e Giovanna d’Austria, sorella dell’Imperatore Massimiliano II. Il documentario è stato realizzato sulla base della ricerca pubblicata da due esperte slovacche, Ivana Kvetanova e Margareta Musilova, con la regia di Daniel Dluhy e con il sostegno dell’Ambasciata d’Italia a Bratislava, dell’ Istituto Italiano di Cultura di Bratislava e delle aziende italiane UniCredit e Generali. Alla proiezione, introdotta dall’Ambasciatrice d’Italia Catherine Flumiani, erano presenti anche le due restauratrici italiane dell’affresco, Cristiana Conti e Alessandra Popple.

L’iniziativa si svolge nell’ambito delle celebrazioni dei trent’anni delle relazioni bilaterali in Slovacchia. Un legame, ha sottolineato l’Ambasciatrice, che affonda le radici nei secoli passati, in particolare nel Rinascimento come dimostra la presenza della veduta di Possonia nella città toscana, una delle testimonianze visive più antiche della città lungo il Danubio.

L’Ambasciatrice parteciperà inoltre oggi all’apertura del festival “Archeofilm Bratislava”, organizzato in collaborazione con Firenze Archeofilm , che porta per la prima volta la propria rassegna fuori dai confini nazionali. Saranno presenti anche Giulia e Giuditta Pruneti responsabili di Firenze Archeofilm e della rivista Archeologia Viva (casa editrice Giunti) che l’Ambasciatrice ha ricevuto in Ambasciata congratulandosi per l’iniziativa che offre al pubblico slovacco e agli addetti ai lavori un’opportunità di confronto e approfondimento sui temi della valorizzazione e conservazione dei beni culturali.

Il programma e i dettagli del festival si possono trovare al seguente link: https://www.archeofilm.sk